Cancro - Le sfide dell'anno



a cura di Sandra Zagatti



Da poco tempo, precisamente da metà maggio, Urano è entrato nel segno del Toro: si tratta di un passaggio temporaneo, perché durante l’anello di sosta il pianeta rientrerà sugli ultimi gradi Ariete tra il 6 novembre e il 6 marzo 2019, quando farà il suo ingresso definitivo in Toro; ma è comunque una svolta importantissima, un cambiamento di energia che, soprattutto per la prima decade ma in qualche modo per tutti voi, caratterizzerà il vostro nuovo anno astrologico. Non dimentichiamo che Urano ha un passo zodiacale di sette anni, e che dal 2011 è rimasto appunto dissonante al vostro segno, accompagnando, sia pure in periodi diversi a seconda delle decadi, periodi di notevole tensione. Adesso avete invece di fronte altri sette anni (fino al 2015-2026) nei quali Urano sarà un alleato con il suo sestile e, coinvolgendo il vostro undicesimo campo, lo sarà soprattutto in senso progettuale, sostenendo un rinnovamento creativo, nonché desiderato e costruito nel tempo.

Va da sé che, all’interno del prossimo anno astrologico, saranno soltanto i nati con il Sole ai primi gradi (tra il 20 e il 24 giugno, più o meno) a riceverne il transito vero e proprio, ma ribadisco che il cambio di energia sarà avvertito da tutti. Intanto, potete contare sul trigono di Giove nel quinto campo in Scorpione, che interesserà la seconda decade sino al 19 settembre e poi la terza sino all’8 novembre, quando Giove si porterà in transito neutro nel Sagittario. Ma c’è un’altra novità interessante da segnalare per il prossimo anno: Venere infatti formerà il suo anello di sosta proprio in Scorpione, dal 9 settembre sino al 7 gennaio 2019 (con una pausa in novembre). In un certo senso, Giove passerà il testimone a Venere come se i due pianeti benefici si alleassero per sostenervi, offrendovi fiducia, consapevolezza e una serenità interiore utile ad affrontare anche i momenti meno facili. Senza contare che, dallo Scorpione, prima Giove poi Venere amplificheranno l’altro splendido trigono che vi coinvolge, cioè quello di Nettuno nel nono campo in Pesci, sempre concentrato sulla seconda decade.

E a proposito di momenti meno facili, li vedremo meglio nel paragrafo di dettaglio ma qui devo ricordare anche i transiti dissonanti che arrivano dal settimo campo in Capricorno. Saturno sarà opposto alla prima decade sino al 20 dicembre, dopo di che comincerà a interessare la seconda; l’opposizione di Plutone invece torna proprio il 13 luglio a coinvolgere la seconda decade, ma sarà l’ultimo passaggio e il 14 dicembre Plutone si trasferirà definitivamente sulla terza. Ma sia chiaro, non è che questi transiti siano “colpevoli” di fatiche ingiuste e inutili, così come i transiti armonici non hanno solo il compito di riempirvi di regali: l’astrologia è un linguaggio simbolico che descrive la vita e la vita, di per sé, non è certo così banale; tanto meno è fatta a compartimenti stagni. Per questo dovremmo sempre considerare le configurazioni nel loro complesso, e se ci sono risorse disponibili è bene utilizzarle per affrontare i problemi ma senza dimenticare i significati e le opportunità che i problemi stessi presentano e rappresentano. Il Capricorno è un segno di Terra che vi chiede forse qualche sacrificio, una visione concreta della realtà, onesta e più obiettiva perché emotivamente più distaccata, ma a conti fatti ciò significa autonomia responsabile: una conquista a volte faticosa e scomoda come ogni aspetto della crescita personale ma di per sé appagante, salutare, legittima; nonché propedeutica a un’ulteriore evoluzione. Insomma Saturno e Plutone esprimono essenzialmente una fase di verifica, ma in tal senso il “nuovo” Urano, a sua volta nel segno di Terra del Toro, sarà un prezioso suggeritore…



 


Copyright 2002 © Astrologia online - Tutti i diritti riservati | Privacy | Termini e Condizioni
Il tuo oroscopo del giorno

Ariete
Toro
Gemelli
Cancro
Leone
Vergine
Bilancia
Scorpione
Sagittario
Capricrono
Acquario
Pesci